Notizie e aggiornamenti dal mondo immobiliare

Come si recede da un contratto di affitto?

Mercoledì, 07 Settembre 2016
L’inquilino può recedere anticipatamente dall’affitto per gravi ragioni (cosiddetto recesso legale) ed eventuali condizioni consentite nel contratto di affitto(cosiddetto recesso convenzionale). In entrambi i casi, l’inquilino deve dare comunicazione della volontà di recesso al padrone di casa almeno 6 mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione. Lo dovrà fare per iscritto, preferibilmente con raccomandata a.r. o con posta elettronica certificata. La legge consente al conduttore di recedere in qualsiasi momento quando ricorrono gravi motivi con un preavviso di almeno 6 mesi, da comunicarsi con lettera raccomandata. Sono da considerare gravi quei motivi che siano: estranei alla volontà dell’inquilino, imprevedibili e successivi alla al momento della firma del contratto, tali da rendere impossibile o gravosa la sua…
La Rampa notiziario on-line - ha incontrato, il Rag Donato Liotto, Ammistratore della società Finassicenter Immobiliare di Aversa, azienda leader nel campo delle mediazioni da oltre trent’anni e, con lui, abbiamo scambiato “quattro chiacchiere” in merito il mercato degli immobili e non solo? “Il mercato immobiliare, per lunghi periodi è stato molto negativo e, questo, sicuramente dovuto alla profonda crisi economica, la quale, ha fatto si che, molti acquirenti e venditori si “raffreddassero” vale a dire: rinunciare a comprare o vendere casa. Il “rischio” di fare un acquisto a prezzi sballati, o, la convinzione di svendere il proprio immobile erano alti, poi, mettiamoci il mercato dei mutui che, negli anni scorsi, era troppo esoso, e va detto: anche le banche…
Le agevolazioni sulla prima casa si possono ottenere anche quando solo uno dei due coniugi è residente nel Comune dove l’abitazione è ubicata. Via libera dunque al bonus anche nel caso in cui i due abbiano residenza diversa. A dirlo la Corte di Cassazione con la sentenza n. 13334 del 28 giugno 2016. La Cassazione ha così accolto il ricorso di una coppia che si era precedentemente vista revocare i benefici sull’immobile dalla Commissione Tributaria. Sul fronte delle agevolazioni fiscali prima casa tra coniugi, non conta che solo il marito o solo la moglie abbia trasferito, nei 18 mesi successivi all’acquisto, la propria residenza. Ciò che davvero rileva è che sia stato dichiarato che nel predetto immobile la famiglia abbia…
Con pochi e utili accorgimenti è possibile ridurre il consumo di acqua e tagliare i costi in bolletta. Vediamo le cinque regole dell'associazione Altroconsumo. 1.Rubinetti - Applica degli aeratori ai rubinetti: miscelano aria all'acqua, ne riducono il flusso e gli schizzi permettendoti di risparmiare decine di migliaia di litri all'anno. Costano da 1 a 2 euro l'uno, sono facili da montare e possono essere acquistati in negozi di ferramenta, casalinghi, grandi magazzini, etc. 2.Doccia e vasca - Fare la doccia piuttosto che il bagno, intanto, consente di risparmiare ben 23 metri cubi di acqua all'anno. È possibile poi applicare tra rubinetto e tubo della doccia i riduttori di flusso; oppure comprare le doccette dotate di un limitatore di portata in…
Dal 1° gennaio 2016, in seguito a quanto previsto dalla legge di Stabilità, chi in passato ha acquistato una prima casa usufruendo delle agevolazioni previste e decide ora di comprare un nuovo immobile senza prima vendere il precedente può farlo sfruttando ancora una volta i benefici fiscali. C’è solo una condizione: l’abitazione acquistata in precedenza deve essere alienata entro un anno dalla data dell’atto.Idealista news ha parlato con Annarita Lomonaco, dell’Ufficio Studi Consiglio Nazionale del Notariato, che ha illustrato la norma punto per punto. La legge di Stabilità 2016 ha facilitato l’applicazione dei benefici fiscali sull’acquisto della prima casa. In che modo ha reso più semplice usufruire delle agevolazioni? Fino al 31 dicembre 2015 chi voleva acquistare una prima casa…
In caso di vendita di un immobile concesso in comodato, l'inquilino o comodatario è obbligato al rilascio dello stesso, che viene messo a disposizione del nuovo proprietario. È quando deciso dalla sentenza n. 664 del 18 gennaio 2016 della Corte di Cassazione. Entriamo nel merito e vediamo meglio cosa dice la legge: Contratto comodato d'uso gratuito L'articolo 1803 del codice civile stabilisce che il comodatario deve restituire la cosa concessagli in comodato entro il termine stabilito dal contratto, in mancanza di un termine definito, il bene va riconsegnato una volta che il comodatario se ne sia servito in conformità a quanto stabilito dallo stesso. La legge consente al comodante di domandare la restituzione della cosa concessa in utilizzo al comodatario…
La legge di stabilità 2016 ha introdotto importanti novità per il settore immobiliare e la casa in particolare. Dalla proroga dei bonus ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche, al doppio bonus mobili, all'abolizione della Tasi sulla prima casa, fino alla riduzione dell'Imu per gli affitti sul canone concordato e all'introduzione del leasing immobiliare anche per i privati. Ecco il quadro delle principali agevolazioni fiscali redatto da Confedilizia Le norme di maggior interesse per il mattone. Eliminazione tasi prima casa - Sono escluse dalla Tasi le unità immobiliari “destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall'utilizzatore e dal suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9”, vale a dire: abitazioni di tipo signorile (A/1); abitazioni in…
Di seguito, vogliamo fornire in dettaglio un bilancio sul calo degli immobili riscontrato in questo 2015 che sta per concludersi. Un analisi dettagliata fatta dal portale immobiliare “IDEALISTA” Vi invitiamo a leggerla con interesse. “Nel corso del 2015 accelera la caduta del prezzo dell’usato in Italia, dove i valori delle abitazioni sono calati del 5%, a 1.973 euro/m² dopo un’ulteriore flessione dell’1% nell’ultimo trimestre. I prezzi continuano a scendere confermando una tendenza in atto ormai dal 2010, anche se in alcune delle principali piazze immobiliari del Paese le quotazioni presentano variazioni positive. Il 2015 si chiude con un calo dei valori oltre le attese, ma il quadro generale, in graduale miglioramento, fa ben sperare per un 2016 vivace sul fronte…
Quella che ci siamo lasciati alle spalle è sicuramente la fase più critica per il settore immobiliare, ma la lenta risalita che abbiamo davanti deve fare i conti con i problemi legati alla debolezza reddituale e occupazionale delle famiglie italiane. Senza contare che "il problema degli immobili in garanzia del credito deteriorato è di proporzioni enormi" e potrebbe avere seri effetti sulla crescita del mattone. Una ripresa lenta e non priva di ostacoli.Quella che ci siamo lasciati alle spalle è la fase più critica del settore, abbiamo avviato un percorso di lenta ripresa, ma non dobbiamo dimenticarci delle difficoltà di contesto legate alla precarietà dei redditi, alla situazione occupazionale non certo ottimale. Siamo in una fase di miglioramento, ma con…
Il calo dei prezzi delle case rende più accessibile l'acquisto di un'abitazione. Per comprare un immobile oggi servono infatti 6,4 annualità di stipendio, in leggera diminuzione rispetto alle 6,6 del 2014. A dirlo sono le molteplici analisi di di mercato effettuate da diversi gruppi immobiliari e da interviste fatte ai maggiori agenti immobiliari presenti sulle varie zone del territorio nazionale. Si mette in evidenza come nel 2005 per comprare casa fossero necessari 10 anni di salario. Se a livello nazionale, la variazione è minima rispetto allo scorso anno, anche a livello locale non ci sono stati cambiamenti di rilievo. Il calo maggiore nel numero di annualità è Bologna (dove ne servono 5,9 ovvero 0,6 in meno dell'anno scorso), mentre Milano,…
La trasformazione e le potenzialità delle agenzie immobiliari: offrire più servizi e accrescere il livello di penetrazione. Da tradizionale agente immobiliare a consulente capace di offrire un vasto numero di servizi tecnici, finanziari e assicurativi connessi alla filiera. E’ questa una delle trasformazioni che ha interessato il settore dell’intermediazione immobiliare negli ultimi anni, soprattutto in seguito alla crisi economica. Il dato emerge dalla ricerca realizzata da Scenari Immobiliari “I servizi immobiliari in Europa e negli Stati Uniti. Quali modelli per l’Italia?” presentata lo scorso luglio a Milano e adesso a Roma, nella splendida cornice offerta da Palazzo Altieri. Lo studio, condotto con l’obiettivo di fare chiarezza in un settore particolarmente complesso e soggetto a rapida evoluzione come quello dei servizi…
I mercati finanziari lanciano in questo ultimo periodo segnali confortanti e positivi. Il mattone “tira” e l’effetto crisi sembra stia passando, anzi ri può ritenere con buono ottimismo che la fase critica sia ormai un brutto ricordo. Ciò è dato anche dal fatto che il valore degli immobili è sceso e di parecchio adeguandosi ai reali parametri di mercato e di potere di acquisto. I prezzi pazzi e fuori mercato devono essere un lontanto ricordo e tutti si devono adeguare. Ora parliamo anche del mercato dei mutui e del loro andamento. Se la domanda di mutui continua la sua ascesa (ad agosto la domanda di nuovi finanziamenti è cresciuta del 57,57% rispetto allo stesso mese del 2014), continua a contrarsi…
Crollato di 1.200 miliardi (in 5 anni) il valore delle case. Ma tasse +31,2% In termini assoluti è sceso soprattutto il valore economico delle abitazioni. Mentre il carico fiscale sul mattone è aumentato di 12,3 miliardi di euro nell’ultimo anno In questi ultimi 5 anni il valore economico delle abitazioni è crollato di circa 1200 miliardi di euro (-14,2%), ma nel contempo le tasse sono salite in misura esponenziale: +31,2%. In termini assoluti, il carico fiscale sul mattone è aumentato di 12,3 miliardi di euro: se nel 2010 era pari a 39,48 miliardi di euro, nel 2014 ha toccato i 51,8 miliardi. A diffondere i dati è l’Ufficio studi della Cgia, l’associazione degli artigiani di Mestre. «Siamo meno ricchi, ma…
Proviamo a darvi pochi consigli ma efficaci e questo per far si che a fine mese possiate risparmiare sulla bolletta dell'energia elettrica. Difatti, con pochi e semplici accorgimenti è possibile risparmiare anche centinaia di euro all'anno sulla bolletta elettrica. Grazie a "Facile.it" che ci offre questi cinque consigli grazie ai quali un single può arrivare a risparmiare 181 euro annuali e una famiglia numerosa addirittura 349 euro. Una tariffa personalizzata Il primo step è scegliere la tariffa adeguata alle proprie esigenze. Chi è single e passa in casa poco tempo e principalmente nelle ore serali, dovrebbe preferire le cosiddette tariffe biorarie che prevedono notevoli riduzioni di costo dopo le 19; il risparmio annuo sarebbe di 27 euro. Le famiglie numerose,…
Buone notizie sul fronte delle compravendite e dei mutui. l’istat ha confermato che nel 2014, dopo 7 anni di calo, il mercato immobiliare ha ripreso a crescere. nel dettaglio, i trasferimenti a titolo oneroso di unità immobiliari, che ammontano complessivamente a 594.431, hanno fatto registrare una crescita dell’1,6% sul 2013. si tratta di aumenti che riguardano tutte le ripartizioni geografiche tranne le isole, dove invece è stato rilevato un calo dell’1% - compravendite Istat - L’anno passato, dunque, ha fatto segnare un’inversione di tendenza. in particolare, le convenzioni di compravendita di unità immobiliari ad uso abitazione ed accessori (pari a 553.324) hanno fatto registrare un incremento dell’1,6% in un anno, più contenuto rispetto a quello registrato per le convenzioni di…
Pagina 3 di 4

CERCA UN IMMOBILE

Tipologia













Range prezzo

Superficie

Locali / Vani

Box / Garage

Codice

Proposte immobiliari Aversa e Agro aversano
Vendi la tua casa ad Aversa e nell'Agro aversano
Terreni edificabili Aversa e Agro aversano
Logo Finassi CenterFinassi Center Immobiliare | Viale Europa 303 | Aversa (CE)
Telefono: 081.812.3376 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Web agency Net Enjoy IT Service